Bando Rigeneriamo 2021

Bandi Come presentare una richiesta Rendicontazione FAQ Utilizzo logo Funder 35 Progetti Emergenza Coronavirus TORNA ALLA SEZIONE BANDI RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA BANDO RIGENERIAMO 2021 PARTECIPA DAL 31 AGOSTO AL 11 OTTOBRE 2021 OBIETTIVI DEL BANDO Sostenere progetti di rigenerazione urbana in grado di generare esternalità positive sul piano degli impatti sociali, culturali e territoriali di medio-lungo periodo e nuove opportunità di crescita e di coesione per le comunità locali interessate. A CHI SI RIVOLGE Ai soggetti senza scopo di lucro che per esperienza, competenza, professionalità, reputazione e capacità di partnership diano prova di essere in grado di perseguire con efficacia ed efficienza gli obiettivi delle iniziative proposte. [Cfr. articolo 7 Regolamento delle attività istituzionali] REQUISITI  Città metropolitana di Bologna. LEGGI IL BANDOPARTECIPA TEMPISTICHE Dal 31 agosto al 11 ottobre 2021 presentazione dei progetti e delle richieste di contributo. BUDGET COMPLESSIVO € 300.000,00 RICHIESTA INFORMAZIONI Telefono: 051 2754111 martedì e venerdì dalle ore 14.30 alle 16.30 E-mail: scrivi

Bando Innovazione scolastica 2021

Bandi Come presentare una richiesta Rendicontazione FAQ Utilizzo logo Funder 35 Progetti Emergenza Coronavirus TORNA ALLA SEZIONE BANDI EDUCAZIONE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE BANDO INNOVAZIONE SCOLASTICA 2021 PARTECIPA DAL 31 AGOSTO AL 11 OTTOBRE 2021 OBIETTIVI DEL BANDO Incentivare l’ammodernamento degli istituti scolastici per migliorarne le dotazioni didattiche disponibili e innovare i percorsi formativi e di orientamento, al fine di prevenire problematiche giovanili quali disagio sociale, integrazione e abbandono scolastico. A CHI SI RIVOLGE Agli istituti scolastici primari e secondari, statali e paritari, aventi sedi nell’area metropolitana di Bologna. [Cfr. articolo 7 Regolamento delle attività istituzionali] AREA TERRITORIALE  Città metropolitana di Bologna. LEGGI IL BANDOPARTECIPA TEMPISTICHE Dal 31 agosto al 11 ottobre 2021 la presentazione dei progetti e delle richieste di contributo. BUDGET COMPLESSIVO € 300.000,00 RICHIESTA INFORMAZIONI Telefono: 051 2754111 centralino lunedì-venerdì ore 08.30-12 e 15.00-17.00 E-mail: scrivi

Bando Fair play 2021

Bandi Come presentare una richiesta Rendicontazione FAQ Utilizzo logo Funder 35 Progetti Emergenza Coronavirus TORNA ALLA SEZIONE BANDI EDUCAZIONE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE BANDO FAIR PLAY 2021 PARTECIPA DAL 31 AGOSTO AL 11 OTTOBRE 2021 OBIETTIVI DEL BANDO Promuovere lo sport inteso anche come opportunità educativa e strumento di inclusione sociale, con attenzione particolare alle fasce giovanili e delle abilità diverse, attraverso interventi finalizzati al miglioramento delle strutture sportive. A CHI SI RIVOLGE Ai soggetti senza scopo di lucro che per esperienza, competenza, professionalità, reputazione e capacità di partnership diano prova di essere in grado di perseguire con efficacia ed efficienza gli obiettivi delle iniziative proposte. [Cfr. articolo 7 Regolamento delle attività istituzionali] AREA TERRITORIALE  Città metropolitana di Bologna. LEGGI IL BANDOPARTECIPA TEMPISTICHE Dal 31 agosto al 11 ottobre 2021 presentazione dei progetti e delle richieste di contributo. BUDGET COMPLESSIVO € 200.000,00 RICHIESTA INFORMAZIONI Telefono: 051 2754111 martedì e venerdì dalle ore 14.30 alle 16.30 E-mail: scrivi

Newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI FONDAZIONE CARISBO Per ricevere periodici aggiornamenti su attività istituzionali, progetti finanziati e soprattutto su mostre d'arte ed iniziative culturali organizzate. Riceverai in anteprima: tutte le informazioni sui bandi per la richiesta di contributi gli inviti per partecipare alle inaugurazioni organizzate dalla Fondazione Carisbo aggiornamenti in merito a nuove pubblicazioni riguardanti la storia, la cultura e l'arte di Bologna e del suo territorio Email* Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa privacy resa ai sensi dell'art. 13 del regolamento UE 679/2016 e della normativa vigente. Ho preso visione

Bando Libri solidali

Bandi Come presentare una richiesta Rendicontazione FAQ Utilizzo logo Funder 35 Progetti Emergenza Coronavirus TORNA ALLA SEZIONE BANDI ARTE, ATTIVITÀ E BENI CULTURALI BANDO LIBRI SOLIDALI PARTECIPA DALL’1 GIUGNO AL 15 NOVEMBRE 2021 OBIETTIVI DEL BANDO Implementare biblioteche pubbliche e private aperte al pubblico; valorizzare i libri attraverso la realizzazione di nuove biblioteche e/o spazi dedicati alla lettura ed iniziative culturali e di formazione, anche in ambito sociale. A CHI SI RIVOLGE Attraverso la donazione di libri il bando si rivolge ai soggetti senza fini di lucro, in particolare alle biblioteche aperte al pubblico, alle scuole di ogni ordine e grado, all’Università, a enti di formazione, associazioni di volontariato e associazioni culturali. [Cfr. articolo 7 Regolamento delle attività istituzionali] AREA TERRITORIALE  Città metropolitana di Bologna. LEGGI IL BANDOPARTECIPA TEMPISTICHE Dall’1 giugno al 15 novembre 2021 presentazione dei progetti e delle richieste per la donazione di volumi. TITOLI DISPONIBILI L’elenco dei titoli disponibili (circa 400) è parte integrante del bando e consultabile in allegato. RICHIESTA INFORMAZIONI Telefono: 051 2754111 centralino lunedì-venerdì ore 08.30-12 e 15.00-17.00 E-mail: scrivi

Casa di Accoglienza Beata Vergine delle Grazie Onlus | Vediamoci a Casa

Casa di Accoglienza Beata Vergine delle Grazie Onlus | Vediamoci a Casa VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA IL PROGETTO Il progetto promosso dalla Casa di Accoglienza Beata Vergine delle Grazie è in corso e consiste nell’allestimento di una stanza dedicata all’incontro tra gli anziani ospiti della Casa e i loro familiari. Un luogo dove rivedersi, parlarsi e stringersi le mani “in sicurezza”. Durante questo difficile anno abbiamo dovuto trovare soluzioni sempre nuove per permettere agli anziani di continuare a vivere nel migliore dei modi. La “separazione forzata” dai propri cari è stata una delle sfide più difficili di questa epidemia; telefonate e video-chiamate ci hanno aiutato molto soprattutto nel primo periodo a mantenere i rapporti con l’esterno ma non appena è stato possibile abbiamo deciso di fare di più. Così, seguendo l’esempio di altre strutture simili alla nostra, è nata l’idea di questo luogo dedicato alle emozioni. Volevamo che fosse un ambiente caldo e accogliente dove sentirsi a proprio agio. La stanza scelta ha un doppio accesso, uno verso l’interno della Casa e uno verso l’esterno così da consentire accessi separati. I parenti degli ospiti, dopo aver seguito un protocollo di igiene e sicurezza, entrano nella stanza dall’esterno per incontrare il loro caro che si trova dietro un pannello trasparente. Grazie a due guantoni incastonati nel pannello, il parente può stringere le mani del proprio caro che si trova dall’altra parte. Il contatto è un aspetto fondamentale di questi incontri, stringersi le mani è un gesto empatico che dona forza sia a chi lo fa che a chi lo riceve. IMPATTO SOCIALE Riaprire gradualmente e “in sicurezza” la nostra Casa di Accoglienza è stato un passo fondamentale sia per gli ospiti che per le loro famiglie, è una grande gioia per tutti. Per questo progetto sono stati determinanti la coordinazione e...

leggi tutto

Associazione Mus-e Bologna Onlus | Mus-e 2020#nessuno escluso

Associazione Mus-e Bologna Onlus | Mus-e 2020#nessuno escluso VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA IL PROGETTO L’associazione Mus-e Bologna tramite il progetto Mus-e 2020#nessuno escluso promuove percorsi e modalità di integrazione scolastica per minori diversamente abili a favore dell’idea di una scuola inclusiva quando essa vive e insegna a vivere con le differenze. Il progetto pilota offre percorsi multidisciplinari che promuovono le abilità differenti, all’interno dei quali, i bambini e le bambine possono insieme fare un’esperienza significativa. Il progetto Mus-e si fonda sulla convinzione che la diversità non è e non può essere considerata, come un elemento di discriminazione, ma occasione di incontro e arricchimento reciproco. L’utilizzo del medium artistico e di una pluralità di discipline, permette di far emergere le diverse abilità di ciascuno, dando spazio alla costruzione di relazioni tra pari, vere ed autentiche, permettendo il superamento dell’isolamento, la valorizzazione delle differenze e offrendo lo spazio alla condivisione della propria soggettività all’interno del gruppo. Ognuno offre la propria abilità e nel contempo apprende dall’altro, favorendo così l’inclusione e la costruzione del gruppo classe promuovendo il benessere e la crescita armonica di minori nella fascia d’età 6-10 anni. Le attività sono state progettate e realizzate in linea con l’approccio dell’inclusive education: l’inclusione di studenti con disabilità, BES o variamente svantaggiate realizzata attraverso esperienze collaborative in cui anche gli studenti, mentre apprendono e sviluppano abilità, sono responsabilizzati a lavorare con e per i compagni svantaggiati. Il progetto, collocandosi all’interno di una rete di proposte educative, è finalizzato a qualificare l’offerta formativa, incrementando le opportunità sul tema dell’aggregazione e dell’integrazione sociale, della convivenza e della multiculturalità, anche nella logica della prevenzione del disagio giovanile. Il progetto è stato concluso a fine giugno 2020 ed ha contribuito a: maggiore partecipazione dei bambini disabili certificati alle attività scolastiche; maggiore integrazione e collaborazione tra gli alunni...

leggi tutto

Dynamo Camp Onlus | Dynamo Camp: un progetto sempre più inclusivo per i bambini bolognesi

Dynamo Camp Onlus | Dynamo Camp: un progetto sempre più inclusivo per i bambini bolognesi VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA IL PROGETTO Nel corso del 2019, Dynamo Camp ha proseguito le sue attività a favore dei bambini e ragazzi bolognesi affetti da patologie gravi e croniche e delle loro famiglie continuando a garantire la loro ospitalità gratuita presso la struttura di Dynamo Camp e lo svolgimento di laboratori di Terapia Ricreativa all’interno dell’Ospedale Sant’Orsola. Nel 2019, 43 bambini e ragazzi provenienti dal territorio della provincia di Bologna sono stati gratuitamente ospitati a Dynamo Camp potendo prendere parte ad un’esperienza stimolante, divertente ed emozionante in cui hanno potuto partecipare alle diverse attività in e outdoor di Terapia Ricreativa come tiro con l’arco, piscina, arrampicata, attività di terapia con animali della fattoria, nonché ai diversi progetti speciali di Dynamo (Radio Dynamo, Musical, Dynamo Studios). Per quanto riguardo le attività in Camp, Nel corso del 2019, Dynamo Camp ha organizzato complessivamente 21 sessioni e ha ospitato 1.631 bambini e ragazzi con patologie gravi e croniche e loro fratelli sani. Lo scorso anno, Dynamo Camp ha proseguito le sue attività all’interno dell’Ospedale Sant’Orsola coinvolgendo, nelle attività di Terapia Ricreativa, preposte 40 bambini con patologie e 37 loro genitori in dodici giornate di attività. I bambini e ragazzi raggiunti hanno potuto prendere parte alle attività di radio, musical, studios direttamente dall’ospedale in cui soggiornano e beneficiare così dell’impatto positivo della Terapia Ricreativa Dynamo. Il 16 novembre 2019 il Museo MAMbo di Bologna ha ospitato una tappa del progetto “Una domenica al Museo” che ha permesso l’incontro tra i campers già presenti in città e l’artista di arte contemporanea, Irene Ferrari. La tappa si è inserita nel progetto che ha portato Dynamo Art Factory, il progetto artistico di eccellenza di Dynamo Camp, in giro per l’Italia e...

leggi tutto

UOC Ginecologia Oncologica, AOSP Bologna | Cancro dell’endometrio: network epigenetici come nuovi biomarcatori di prognosi e terapia. Verso una medicina personalizzata

UOC Ginecologia Oncologica, AOSP – Policlinico Sant’Orsola-Malpighi | Cancro dell’endometrio: Network epigenetici come nuovi biomarcatori di prognosi e terapia. Verso una medicina personalizzata RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA IL PROGETTO Il progetto promosso dall’UOC Ginecologia Oncologica, Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna – Policlinico Sant’Orsola-Malpighi è incentrato sul carcinoma dell’endometrio, il tumore ginecologico più comune nei Paesi industrializzati, e si stima che nell’arco della vita 1 donna su 35 svilupperà tale neoplasia. È la neoplasia più importante del corpo dell’utero e, secondo i dati dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) costituisce la quarta causa di morte cancro-relata nelle donne. È una malattia molto eterogenea con una prognosi estremamente variabile che dipende principalmente da criteri clinici e istopatologici. Tuttavia, l’estrema variabilità di questi parametri determina una forte difficoltà nella standardizzazione dei fattori di rischio delle pazienti. Anche le classificazioni internazionali più recenti, che hanno certamente apportato benefici, hanno evidenziato una complessità biologica che sottolinea l’eterogeneità di questo tumore anche dal punto di vista dell’evoluzione clinica. Per questo motivo, un’appropriata traslazione delle nuove classificazioni molecolari nella pratica clinica risulta ancora complessa. Partendo da questi presupposti, l’identificazione di nuovi potenziali biomarcatori in grado di caratterizzare l’aggressività tumorale e il potenziale metastatico si pone come un obiettivo primario per la corretta stratificazione delle pazienti e nell’ottica di una medicina di precisione al fine di migliorare il percorso diagnostico-terapeutico delle pazienti. Sulla base di questo, abbiamo iniziato a valutare altri tipi di biomarcatori che non sono stati ancora adeguatamente studiati in questo tipo di tumore, ma che stanno avendo un ruolo sempre più importante dal punto di vista prognostico e terapeutico in altre patologie oncologiche come il polmone: i microRNA. I microRNA sono corte molecole di RNA (acido ribo-nucleico) che sono in grado di regolare l’espressione di molti geni e quindi sono potenzialmente coinvolti in tutti i...

leggi tutto

AICS Comitato Provinciale di Bologna APS | Ludoteca Vicolo Balocchi: 40 anni per crescere insieme alle famiglie del quartiere Navile

AICS Comitato Provinciale di Bologna APS | Ludoteca Vicolo Balocchi: 40 anni per crescere insieme alle famiglie del quartiere Navile VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA IL PROGETTO Il Comitato Provinciale AICS di Bologna è un Ente di Promozione Sportiva e Sociale che conta una rete di 450 associazioni, società sportive dilettantistiche e circoli culturali, con circa 106.000 soci a Bologna e provincia. Nel corso degli anni, le iniziative organizzate e sostenute da AICS Bologna hanno riguardato: attività culturali rivolte alla cittadinanza, di interesse artistico e sociale; organizzazione e promozione di attività, progetti, rassegne culturali ed eventi a favore della parità di genere e in contrasto a qualsiasi forma di discriminazione; organizzazione e promozione di attività, eventi e rassegne culturali volti a stimolare la conoscenza, l’analisi critica e la riflessione sui fatti accaduti nel corso del Novecento, soprattutto nelle giovani generazioni; promozione dell’attività motoria e sani stili di vita; lo sport come veicolo di integrazione sociale; sportelli di ascolto dedicati alle famiglie; formazione e orientamento al lavoro; sensibilizzazione verso tematiche ambientali e i diritti civili; gestione di spazi educativi, ludoteche, centri estivi e dopo scuola. Il progetto si sviluppa nella Ludoteca Vicolo Balocchi, nel Quartiere Navile, la ludoteca più antica di Bologna. L’obiettivo è quello di realizzare azioni volte al cambiamento di lungo periodo per formare, educare e integrare i bambini dai 4 ai 6 anni, con particolare riguardo per quelli con disabilità e/o svantaggiati, promuovendone lo sviluppo nelle aree cognitive, linguistiche, motorie e socio emotive. Lo sfondo integratore educativo che abbiamo scelto per il progetto è il racconto “Grogh, storia di un castoro” di Alberto Manzi, dove la vita degli animali diventa metafora pedagogica attraverso cui riconoscere i temi della giustizia e dell’ingiustizia, della necessità di affrontare i conflitti, del bisogno di aiuto. L’ambiente naturale, il grande teatro di queste avventure,...

leggi tutto