1044 West 23th Street
Suite 721 New York NY 10010

BIG – Boost Innovation Garage, inaugurato a Bologna il polo della Fondazione per contribuire ad accelerare lo sviluppo dell’ecosistema d’innovazione in città

Ha inaugurato BIG – Boost Innovation Garage, un’iniziativa diretta e promossa dalla Fondazione Carisbo che ha portato alla creazione, con il supporto operativo dell’Associazione Techgarage, del nuovo polo sito in via della Ferriera, angolo via Emilia Ponente.

Cos’è BIG

BIG è uno spazio dove organizzare percorsi di accelerazione, attività di matching tra aziende consolidate e startup, eventi su innovazione e tecnologia, tavole rotonde e molte altre attività con il fine ultimo di raccontare, contribuire a concretizzare e diffondere una cultura imprenditoriale innovativa, generando impatto tangibile sul territorio metropolitano di Bologna.

Il progetto ha richiesto un anno di lavoro non solo architettonico ma anche progettuale e di relazioni con istituzioni e stakeholder territoriali per offrire alla comunità uno spazio multifunzionale di 1.400 mq attrezzato per 110 postazioni coworking, 4 box uffici privati, 3 sale riunioni, 1 sala workshop, 1 sala eventi da 110 posti e ambienti comuni, come l’area ristoro con cucina. All’ingresso è posizionata una reception e lungo le sale dedicate al coworking sono collocati una serie di grandi schermi per la trasmissione in tempo reale di contenuti o dirette streaming di eventi.

Gli allestimenti e la definizione degli arredi di BIG hanno valorizzato l’architettura esistente per creare un luogo di lavoro aperto e accessibile che pone il fruitore al centro di spazi stimolanti e confortevoli, improntati sulla flessibilità.

Gli obiettivi di BIG

Attraverso una progettualità pluriennale, la Fondazione punta a consolidare ulteriormente l’impegno per il territorio di riferimento, favorendo in particolare la crescita dei giovani e la creazione di job opportunities, aggregando e configurando nello stesso contesto una community di startup, talenti, freelance, corporate, investitori e istituzioni che si posiziona in prima linea per contribuire allo sviluppo dell’ecosistema dell’innovazione locale, nazionale e internazionale.

BIG opera infatti come piattaforma di creazione di opportunità, a partire dal supporto alla creazione di imprese ad elevato impatto. È quindi un ecosistema aperto e inclusivo, una opportunità per i talenti e per tutte le organizzazioni pubbliche e private impegnate a favorire l’innovazione e accrescere lo sviluppo del territorio.

«Prende corpo l’impegno della Fondazione Carisbo nel campo dell’innovazione made in Bologna, con una serie di partnership importanti che abbiamo siglato e sigleremo allo scopo di favorire sempre più l’incontro tra giovani talenti, investitori, Università e imprese negli spazi di BIG, il nostro nuovo polo dedicato al tech – dichiara il Presidente Carlo Monti , per il quale a causa della recrudescenza dell’emergenza Covid-19, purtroppo, abbiamo dovuto rinunciare all’inaugurazione istituzionale in programma a novembre. Avremmo voluto rimarcare la nostra volontà di contribuire al consolidamento della nostra città e della nostra regione ai vertici delle classifiche nazionali per numero di startup, attraverso la messa a sistema di competenze e conoscenze con focus sull’innovazione, elemento fondamentale per il sostegno all’economia del nostro territorio e per conquistare un ruolo di primo piano nell’economia di domani. Unire competenze, capacità di investimento e supporto al territorio rappresenta una dimostrazione concreta di come sia possibile fare squadra, tra il mondo della filantropia istituzionale evoluta e il mondo dell’impresa, per lo sviluppo sinergico di progetti imprenditoriali innovativi».

«Dopo numerose iniziative rivolte ai giovani, al lavoro, alla formazione – evidenzia il Segretario Generale Alessio Fustini –, la Fondazione ha deciso di dotarsi di una realtà concreta basata in un luogo fisico che potesse diventare un abilitatore e un amplificatore di efficacia per le diverse realtà del territorio. Con i nostri partner creeremo un ecosistema per perseguire due obiettivi: lanciare opportunità di formazione, di lavoro e accompagnare startup. Faremo dialogare diversi soggetti profit e non profit interessati all’innovazione inclusiva connettendo lo spirito filantropico al venture capital e ai nuovi strumenti di finanza ad impatto sociale».

Le partnership strategiche di BIG

BIG è uno spazio flessibile di oltre mille mq, dedicato al talento e alle idee, un “garage tecnologico” che ospiterà a rotazione – in collaborazione con operatori specializzati come Primomiglio e Sefea SGR, dPixel  – imprese innovative, digitali, a vocazione sociale, alle quali fornire ingredienti indispensabili per la crescita: servizi di coworking, attività di mentoring, supporto ai processi di ricerca e sviluppo, favorendo connessioni e opportunità di confronto con investitori e partner industriali sensibili ai temi dell’open innovation.

A supportare operativamente Fondazione Carisbo è l’Associazione Techgarage, da anni impegnata a valorizzare l’ecosistema dell’innovazione italiano. «Da oltre 10 anni come Associazione Techgarage ci occupiamo di sviluppare attività a favore delle startup Italiane – racconta il Presidente Gianluca Dettori . Negli ultimi anni abbiamo lavorato molto in tutta la regione Emilia-Romagna e particolarmente a Bologna, trovando un ambiente estremamente dinamico e interessante. Il nostro obiettivo è che BIG possa diventare una casa per le startup e un elemento di collegamento con tutti quelli che sono sul campo per l’innovazione».

La presenza di BIG nel tessuto imprenditoriale bolognese e di tutta l’Emilia-Romagna è un elemento rilevante non solo per le giovani imprese innovative ma per tutte le imprese del territorio che, in questo particolare periodo storico, sono chiamate a porre attenzione al livello di innovatività del loro business. Attraverso BIG e la contaminazione di visione e di operatività tra queste realtà, la Fondazione si pone in prima linea per contribuire alla crescita e allo sviluppo di tutto l’indotto economico locale.

«Ringrazio la Fondazione Carisbo per aver confermato l’impegno a realizzare una struttura così importante e con lo sguardo rivolto al futuro commenta Stefano Bonaccini, Presidente Regione Emilia-Romagna –. Non è un particolare da poco, anzi: mentre continuiamo a combattere la pandemia e siamo impegnati 24 ore al giorno nella campagna vaccinale, è necessario essere già al lavoro per immaginare le nostre comunità alla fine di questo incubo, facendoci trovare pronti al momento della ripresa. Io sono fiducioso che l’Emilia-Romagna abbia tutte le carte in regola per intercettare da subito e velocemente la ripresa. Stiamo investendo molto nelle nuove tecnologie e nei big data, favorendo la nascita di incubatori e rafforzando la rete dei tecnopoli, a partire da quello di Bologna che si propone come la vera Data Valley italiana. Questo progetto rientra a pieno merito in questa visione di sviluppo e di futuro».

«L’emergenza sanitaria ci ha tolto la possibilità di un’inaugurazione in presenza che ci avrebbe fatto toccare con mano la concretezza di BIG – afferma Valter Caiumi, Presidente Confindustria Emilia –, una nuova finestra sull’open innovation che si apre in città e che grazie al contributo di Fondazione Carisbo, riporta al centro la scommessa fatta di innovazione e contaminazione intelligente continua nel tempo. Una community di startup, talenti, freelance, Pmi, investitori e istituzioni che credono nell’innovazione e nell’imprenditorialità come motore del suo agire è qualcosa che ha i mezzi per andare oltre il clima di incertezza in cui nostro malgrado siamo immersi».

«Un’ottima notizia che ci conferma quanto questo territorio sia pronto a ripartire al pieno delle sue potenzialità – dichiara Virginio Merola, Sindaco di Bologna –. Ringrazio la Fondazione Carisbo e tutte le realtà impegnate. Aggiungo anche la soddisfazione perché questo nuovo luogo di impulso all’imprenditoria giovanile si trova in un quartiere che negli ultimi anni ha dimostrato di essere molto attrattivo e dove ci saranno occasioni di scambio e di rete con Boost Innovation Garage».

La creazione e diffusione della cultura dell’innovazione e dell’imprenditorialità non può prescindere dalla storica collaborazione tra la Fondazione e l’Università di Bologna, che trova in BIG un’ulteriore opportunità destinata a tutta la comunità studentesca.

«L’Università di Bologna è da tempo un attore chiave e si è mossa in modo pioneristico a supporto della valorizzazione dei risultati della ricerca attraverso creazione di nuove imprese e dell’imprenditorialità studentesca nelle sue varie forme – evidenzia il Rettore Francesco Ubertini . Negli ultimi anni abbiamo messo a punto una strategia dedicata con azioni concrete che sono diventate per molti attori un punto di riferimento. Molte di queste azioni sono sviluppate in collaborazione con Almacube, incubare di imprese innovative e con altri attori del territorio. La presenza di BIG come luogo aperto alla contaminazione e collaborazione rappresenta un’ulteriore opportunità per tutta la nostra comunità e i nostri studenti».

Cosa accadrà in BIG

In collaborazione con Nesta Italia e dPixel è aperta dal 18 gennaio 2021 la Call for Pioneering Ideas / Tech solutions for social innovation, dedicata a startup emergenti di tutta Italia per la realizzazione di progetti sociali innovativi grazie all’uso delle tecnologie digitali. Le proposte creative e pioneristiche dovranno incentrarsi sulla risoluzione di sfide sociali in quattro ambiti (lavoro, salute, educazione, sostenibilità ambientale), attraverso progetti che pongano l’accento sui bisogni delle comunità locali e siano in grado di proporre soluzioni, creative e pionieristiche, abilitate dalle tecnologie digitali poste al servizio delle persone. Verranno selezionate fino a 15 startup che potranno così accedere ad un Bootcamp di accelerazione della durata di 6 giorni presso BIG.

Sono in programma ulteriori prossime iniziative in collaborazione con partner istituzionali già attivi a Bologna, tra cui Fondazione Golinelli e Bologna Business School per nuovi programmi formativi su imprenditorialità e innovazione.

Share